Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Regolazione del Mercato e diritto annuale Vigilanza prodotti PRODOTTI ELETTRICI di bassa tensione
 
Azioni sul documento

PRODOTTI ELETTRICI di bassa tensione

Normativa di riferimento:

Da maggio 2016 è in vigore una nuova normativa di riferimento per il settore.

Il materiale elettrico di bassa tensione destinato ad essere utilizzato ad una tensione nominale compresa fra 50 e 1000 volt in corrente alternata e fra 75 e 1500 volt in corrente continua  deve sottostare alle disposizioni previste dal D.Lgs. n.8/2016 (SANZIONI art.14) che ha recepito la direttiva 2014/35/CE.

Se il materiale elettrico è stato immesso sul mercato prima del 20 aprile 2016:
Normative comunitarie.
DIRETTIVA 2006/95/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 dicembre 2006 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relativa al materiale elettrico destinato ad essere adoperato entro taluni limiti di tensione.
DIRETTIVA 2001/95/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 dicembre 2001 relativa alla sicurezza generale dei prodotti.
Normative nazionali.
L. 18/10/1977 n. 791 - Attuazione della DIRETTIVA del Consiglio n. 72/23/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al materiale elettrico destinato ad essere adoperato entro taluni limiti di tensione. (ora DIRETTIVA 2006/95/CE).
D.Lgs. 6/9/2005 n. 206 - Codice del consumo, Artt .102 - 113.

 

Ambito di applicazione:
Rientrano nella definizione di materiale elettrico di bassa tensione i prodotti elettrici destinati ad essere utilizzati ad una tensione nominale compresa fra 50 e 1.000 Volt in corrente alternata e fra 75 e 1.500 Volt in corrente continua.

Sono esclusi dall’ambito di applicazione delle normative di settore:
materiale elettrico destinato ad essere usato in ambienti esposti a pericoli di esplosione;
materiale elettrico per radiologia ed uso clinico;
parti elettriche di ascensori e montacarichi;
contatori elettrici;
prese e spine di corrente per uso domestico;
dispositivi di alimentazione dei recinti elettrici;
materiali elettrici speciali, destinati ad essere usati sulle navi e sugli aeromobili e per le ferrovie, conformi alle disposizioni di sicurezza stabilite da organismi internazionali, cui partecipano gli Stati membri della Comunità economica europea;
materiale elettrico destinato ad essere esportato fuori dal territorio della Comunità economica europea.

Conformità dei prodotti:
Per essere conformi i prodotti devono possedere requisiti formali e requisiti di sicurezza fissati dalle normative sopra richiamate.
Si presumono rispettati i requisiti di sicurezza se il materiale elettrico è conforme alle norme armonizzate , quali le norme europee EN emesse dal Cenelec, ovvero le norme italiane CEI EN.
La conformità dei prodotti immessi in commercio é dichiarata dal fabbricante che appone la marcatura CE, previa predisposizione del a tensione fascicolo tecnico di cui all’allegato III L. 791/77.

marcatura CE:
La marcatura CE deve essere apposta sul prodotto in modo visibile, leggibile ed indelebile ovvero, se ciò risulta impossibile, sull'imballaggio, avvertenze d’uso o sulla garanzia (Art. 7 comma 1 della L. 791/77). La marcatura CE, inoltre, deve essere conforme al simbolo grafico di cui all’All. II della stessa L. 791/77.


dati e informazioni obbligatorie:
Sul prodotto, sulla confezione o sulla garanzia devono essere riportati:
i dati identificativi del prodotto: tipo (in via alternativa marca, modello, articolo, lotto, codice, codice a barre), o eventualmente partita di prodotti di cui fa parte (Art. 104, comma 4, lettera a, D.Lgs. 206/2005);
il marchio di fabbrica o il marchio commerciale o la denominazione e/o ragione sociale ed indirizzo del produttore/rappresentante del produttore e, se questi non hanno sede nella UE, del responsabile dell’immissione sul mercato comunitario.
tensione nominale in Volt;
potenza nominale in Watt
Il prodotto deve essere accompagnato dalle avvertenze e le istruzioni d’uso in italiano.

Obblighi del fabbricante e dell’importatore:
Il fabbricante o il suo rappresentante autorizzato o l’importatore (se i primi due soggetti non sono stabiliti nella UE) hanno l’obbligo di conservare la dichiarazione di conformità e la documentazione tecnica  per almeno 10 - anni a decorrere dall’ultima data di fabbricazione del prodotto - e di trasmettere tali documenti su richiesta delle autorità di controllo

Dichiarazione di conformità:
Per quanto riguarda la dichiarazione di conformità di cui all’All. II della L. 791/1977, deve contenere:
nome e indirizzo del fabbricante o rappresentante nell’UE;
descrizione del materiale elettrico;
riferimento alle direttive e alle norme armonizzate, se applicate;
eventuale riferimento alle specifiche applicate per garantire la conformità;
identità e qualifica del firmatario (fabbricante o rappresentante del fabbricante);
le ultime due cifre dell’anno di apposizione della marcatura CE
data e firma.


Documentazione tecnica:
In relazione alla documentazione tecnica, deve contenere le informazioni di cui all’All. III della L. 791/1977, e precisamente:
la descrizione generale del materiale elettrico;
disegni di progettazione e fabbricazione, nonché schemi di componenti, sottounità, circuiti;
le descrizioni e le spiegazioni necessarie per comprendere tali disegni e schemi e il funzionamento del materiale elettrico;
un elenco delle norme che sono state applicate completamente o in parte e la descrizione delle soluzioni adottate per soddisfare gli aspetti di sicurezza della legge qualora non siano state applicate le norme;
i risultati dei calcoli di progetto e dei controlli svolti, etc.;
i rapporti sulle prove effettuate;
la documentazione sui controlli a campione eventualmente effettuati sui prodotti commercializzati, l’esame dei reclami e, se del caso, un registro degli stessi, nonché l’informazione ai distributori in merito a tale sorveglianza (Art. 104, comma 4, lettera b, D.Lgs 206/2005).

 

> SANZIONI

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

C.F. 04283130401

Partita Iva 04283130401

IBAN IT 83 N 06010 13200 100000300122
Codice Univoco ufficio: ST9NPX

Privacy

Camera di Commercio della Romagna

Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini

Tel. 0541/363711 Fax. 0541/363723
Posta elettronica certificata:
cameradellaromagna@pec.romagna.camcom.it