Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Regolazione del Mercato e diritto annuale Controlli sulle imprese Lista dei controlli - Metrologia legale
 
Azioni sul documento

Lista dei controlli - Metrologia legale

1) Controlli sulla corretta indicazione delle unità di misura

Riferimenti normativi:

  • D.P.R. 12/08/1982, n. 802

 

Criteri e modalità di svolgimento delle attività:

Controlli presso produttori di preconfezionati:

a) corretta indicazione delle unità di misura;

Controlli presso venditori di prodotti preconfezionati:

a) corretta indicazione delle unità di misura;

 

2) Controlli sulle imprese che svolgono la fabbricazione in conformità metrologica degli strumenti di misura legale non rientranti nel D.Lgs. 02/02/2007, n.22 (strumenti M.I.D.)

Riferimenti normativi:

  • Regolamento sulla conformità metrologica: D.M. 28 marzo 2000 n.179.
  • Regolamento n.18 del 18/12/2012.

 

Criteri e modalità di svolgimento delle attività:

Controlli presso la sede produttiva del fabbricante:

  • Coerenza della produzione in conformità metrologica con il provvedimento di riconoscimento;
  • Documenti di ammissione a verifica metrica degli strumenti in produzione;
  • Gestione e riferibilità metrologica dei campioni di lavoro e delle apparecchiature idonee per l’effettuazione delle prove di verifica prima;
  • Procedure delle prove metrologiche adottate per valutare il rispetto dei requisiti essenziali (tra questi per es. gli errori massimi permessi);
  • Rapporti di verifica prima e dei documenti di conformità degli esemplari verificati:

a) per gli strumenti a magazzino: effettuazione di prove di verifica prima su alcuni esemplari;

b) per gli strumenti installati: verifica evidenze di corretta effettuazione prove.

 

3) Controlli sui laboratori che eseguono la verifica periodica degli strumenti di misura legali di cui al D.M. 10/12/2001

Riferimenti normativi:

  • Norme sugli strumenti per pesare a funzionamento non automatico: D.Lgs. 29/12/1992, n. 517 e D.Lgs. 24/02/1997, n. 40;
  • Regolamento di modifica ed integrazione della disciplina della verificazione periodica: D.M. 28/03/2000, n.182;
  • Condizioni e modalità di riconoscimento dell'idoneità dei laboratori all'esecuzione della verificazione periodica degli strumenti di misura: D.M. 10/12/ 2001;
  • regolamento per l’avvio e lo svolgimento dell’attivita’ di verifica periodica degli strumenti di misura da parte dei laboratori metrologici: Delibera n. 5 del Consiglio Camerale del 08/05/2012;
  • Indirizzo e coordinamento tecnico in materia di operazioni di verificazione periodica degli strumenti di misura: Direttiva Mi.A.P. del 04/04/ 2003;
  • Definizione delle caratteristiche dei sigilli di garanzia adottati dai Laboratori riconosciuti idonei: Direttiva Mi.A.P. Del 30/07/2004;

 

Criteri e modalità di svolgimento delle attività:

Controlli presso la sede operativa del laboratorio:

  • Coerenza della tipologia di strumenti verificati con quella indicata nella Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA);
  • Documenti di ammissione a verifica metrica e di conformità degli strumenti verificati;
  • Gestione e riferibilità metrologica dei campioni di lavoro e delle apparecchiature idonee per l’effettuazione delle prove di verifica periodica;
  • Procedure delle prove metrologiche adottate per valutare il rispetto dei requisiti essenziali (tra questi per es. gli errori massimi permessi);
  • Gestione dei Rapporti di verifica periodica degli esemplari verificati.

Controlli presso gli utenti metrici:

  • Effettuazione di prove di verifica periodica su un campione rappresentativo di strumenti verificati dal Laboratorio.

 

4) Sorveglianza in servizio di strumenti di misura legali (strumenti sia MID che non MID)

Riferimenti normativi:

  • Testo Unico leggi pesi e misure: R.D. 23/08/1890 n.7088;
  • Regolamento per la fabbricazione degli strumenti metrici: R.D. 12/06/1902 n.226;
  • Regolamento per il Servizio metrico: R.D. 31/1/1909 n.242
  • Norme sugli strumenti per pesare a funzionamento non automatico: D.Lgs. 29/12/1992, n. 517 e D.Lgs. 24/02/1997, n. 40;
  • Decreto Ministeriale 28-3-2000 n. 182 pubblicato nella Gazz. Uff. 4 luglio 2000, n. 154;
  • Legge e regolamenti sul peso netto e classi di precisione: legge 5 agosto 1981 n. 44 e DD.MM. 24 febbraio e 15 marzo 1982;
  • Regolamento sulla conformità metrologica: D.M. 28/03/2000 n.179;
  • Condizioni e modalità di riconoscimento dell'idoneità dei laboratori all'esecuzione della verificazione periodica degli strumenti di misura: D.M. 10 dicembre 2001;
  • Indirizzo e coordinamento tecnico in materia di operazioni di verificazione periodica degli strumenti di misura: Direttiva Mi.A.P. del 04/04/ 2003;
  • Definizione delle caratteristiche dei sigilli di garanzia adottati dai Laboratori riconosciuti idonei: Direttiva Mi.A.P. del 30/07/2004;
  • Attuazione della Direttiva 2004/22/CE: D.Lgs. 2 febbraio 2007, n.22 (strumenti M.I.D.);
  • Vigilanza sul mercato degli strumenti di misura MID: DM 29/08/2007;
  • Regolamenti concernenti i criteri per l’esecuzione dei controlli metrologici successivi sugli strumenti MID MI 005 e MI 006: D.M. 31 e 32 del 18/01/2011;
  • Indirizzo e coordinamento tecnico in materia di controlli successivi sui distributori di carburanti: Direttiva Mi.A.P. del 04/08/2011;
  • Indirizzo e coordinamento tecnico in materia di controlli successivi su associazione distributori di carburanti MID a self service nazionali: Direttiva Mi.A.P. del 14/10/2011;
  • Regolamento concernente i criteri per l’esecuzione dei controlli metrologici successivi sugli strumenti MID MI 002: D.M. 16/04/ 2012 , n. 75.

 

Criteri e modalità di svolgimento delle attività:

Controlli presso gli utilizzatori:

  • Controllo documentale e visivo per valutare la conformità degli esemplari;
  • Esecuzione delle prove metrologiche per valutare il rispetto dei requisiti essenziali (tra questi per es. gli errori massimi permessi).

 

5) Vigilanza sulla corretta messa in commercio di strumenti di misura legali nel D.Lgs. 02/02/2007, n.22 (strumenti M.I.D.)

Riferimenti normativi:

  • Attuazione della Direttiva 2004/22/CE: D.Lgs. 2 febbraio 2007, n.22 (strumenti M.I.D.);
  • Vigilanza sul mercato degli strumenti di misura MID: DM 29/08/2007;
  • Regolamenti concernenti i criteri per l’esecuzione dei controlli metrologici successivi sugli strumenti MID MI 005 e MI 006: D.M. 31 e 32 del 18/01/2011;
  • Indirizzo e coordinamento tecnico in materia di controlli successivi sui distributori di carburanti: Direttiva Mi.A.P. del 04/08/2011;
  • Indirizzo e coordinamento tecnico in materia di controlli successivi su associazione distributori di carburanti MID a self service nazionali: Direttiva Mi.A.P. del 14/10/2011;
  • Regolamento concernente i criteri per l’esecuzione dei controlli metrologici successivi sugli strumenti MID MI 002: D.M. 16/04/ 2012 , n. 75;
  • Regolamento in materia di regole tecniche e libera circolazione dei prodotti:
  • Regolamento CE n. 764 del 09/07/ 2008;
  • Regolamento in materia di accreditamento e vigilanza del mercato: Regolamento CE n. 765 del 09/07/ 2008;
  • Decisione relativa a un quadro comune per la commercializzazione dei prodotti:
  • Decisione CE n. 768 del 09/07/2008.

 

Criteri e modalità di svolgimento delle attività:

Controlli presso gli utilizzatori:

  • Controllo documentale e visivo per valutare la conformità degli esemplari;
  • Prove metrologiche per valutare il rispetto dei requisiti essenziali (tra questi per es. gli errori massimi permessi);
  • Eventuale prelievo di strumenti da inviare al laboratorio di prova.

 

6) Sorveglianza nel settore orafo: imprese assegnatarie del marchio di identificazione dei metalli preziosi.

Riferimenti normativi:

  • Disciplina dei titoli e dei marchi di identificazione dei metalli preziosi: D.Lgs. 22/05/1999 n. 251;
  • Regolamento recante norme per l'applicazione del D.Lgs. 22/05/1999, n. 251:
  • D.P.R. 30/05/2002, n.150 e successive modifiche;

 

Criteri e modalità di svolgimento delle attività:

Controlli presso la sede operativa dell’impresa:

  • Verifica presenza/idoneità marchi assegnatario e titolo su oggetti in metallo prezioso posti in vendita;
  • Prelievo a campione di oggetti in metallo prezioso posti in vendita per verificarne la titolazione presso il laboratorio accreditato;
  • Per gli assegnatari del marchio di identificazione, verifica della presenza e dell’usura della dotazione di punzoni assegnati.

 

7) Sorveglianza sulle officine autorizzate ad operare su cronotachigrafi analogici e sui centri tecnici autorizzate ad operare su cronotachigrafi digitali

Riferimenti normativi:

  • Regolamento relativo all'istituzione di un apparecchio di controllo nel settore dei trasporti su strada: Regolamento CE n.1473 del 20/07/1970;
  • Regolamento relativo all'apparecchio di controllo nel settore dei trasporti su strada;
  • Regolamento CE n. 1360 del 13/06/2002;
  • Disposizioni attuative del Regolamento relativo all'apparecchio di controllo nel settore dei trasporti su strada: D.M. 31 ottobre 2003 n.361;
  • Modalità e condizioni delle autorizzazioni alle operazioni di primo montaggio e di intervento tecnico dei centri tecnici: DM 10/08/2007.

 

Criteri e modalità di svolgimento delle attività:

Controlli presso la sede operativa dell’impresa:

  • Verifica idoneità apparecchiature presenti e procedure di prova, con compilazione check list e rapporto di sopralluogo da inviare ad Ministero dello sviluppo economico.

 

8) Sorveglianza sulla produzione e importazione dei prodotti preconfezionati/preimballaggi

Riferimenti normativi:

  • Disciplina sui preimballaggi di alcuni liquidi alimentari CEE e bottiglie recipienti misura: D.L. 03/07/1976 n. 451.
  • Disciplina sui preimballaggi CEE, in massa o in volume, diversi dai liquidi alimentari CEE disciplinati dal D.L. 3 luglio 1976 n. 451: Legge 25/10/1978, n. 690.
  • Disciplina sui preimballaggi Nazionali, di tipo diverso da quello CEE: D.P.R. 26/05/1980, n.391.

 

Criteri e modalità di svolgimento delle attività:

Controlli presso la sede operativa dell’impresa:

  • Controllo visivo e documentale per valutare la conformità del lotto di preimballaggi;
  • Controllo a campione di un lotto di prodotti preconfezionati, pronto per la vendita, per valutare il criterio di accettazione o rifiuto del lotto stesso.
  • Controllo sull’idoneità dei metodi statistici di controllo utilizzati dal produttore;
  • Controllo sull’idoneità degli strumenti metrici utilizzati per il controllo del contenuto effettivo dei preimballaggi.
Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

C.F. 04283130401

Partita Iva 04283130401

IBAN IT 83 N 06010 13200 100000300122
Codice Univoco ufficio: ST9NPX

Privacy

Camera di Commercio della Romagna

Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini

Tel. 0541/363711 Fax. 0541/363723
Posta elettronica certificata:
cameradellaromagna@pec.romagna.camcom.it