Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Regolazione del Mercato e diritto annuale Albi, Ruoli, Esami Mediatori e Conducenti Ruolo dei conducenti di veicoli e natanti non di linea
 
Azioni sul documento

Ruolo dei conducenti di veicoli o natanti adibiti ad autoservizi pubblici non di linea

TaxiL'iscrizione al Ruolo è richiesta per tutti coloro che intendono esercitare il servizio di taxi o di noleggio di autovettura con conducente (veicoli fino a nove posti compreso il conducente), in qualità di titolare, dipendente, sostituto del titolare o del dipendente, collaboratore familiare.

Il ruolo si suddivide nelle seguenti sezioni:

  • conducenti di autovetture;
  • conducenti di motocarrozzette;
  • conducenti di natanti;
  • conducenti di veicoli a trazione animale.

L'iscrizione è richiesta anche per l'attività di noleggio di ambulanze.

L'iscrizione al Ruolo deve essere richiesta presso la Camera di Commercio della provincia in cui si svolge l'attività ed è subordinata all'accertamento dei requisiti morali (assenza di carichi pendenti, assenza di determinate condanne o pene accessorie ecc.) e professionali.

Per l'iscrizione alle sezioni riservate ai conducenti di autovetture, motocarrozzette e natanti è previsto il limite di età di 65 anni.

Per l'iscrizione alle sezioni riservate ai conducenti di veicoli a trazione animale è previsto il limite di età di 70 anni.

Requisiti professionali fondamentali sono l'assolvimento dell'obbligo scolastico, il possesso della patente di guida e del certificato di abilitazione professionale, nonché l'aver superato un esame di abilitazione presso la Camera di Commercio.

Successivamente all'iscrizione al Ruolo è necessario chiedere al Comune nel quale si esercita l'attività la licenza per l'esercizio del servizio di taxi o l'autorizzazione per l'esercizio del noleggio di autovettura con conducente.

 

Attività svolta da società

L'iscrizione al ruolo conducenti è richiesta solo per le persone fisiche che svolgono l'attività di conducente rientrante nella normativa di cui alla L. 21/92, in qualità di titolare, sostituto, dipendente, collaboratore familiare e che devono essere in possesso dei requisiti morali e professionali (Capo VI del. Cons. reg. 2009/94 ed in particolare punto 6).

Nel caso in cui l'attività venga svolta in forma societaria devono essere iscritti al ruolo il titolare dell'autorizzazione e tutti coloro che sono adibiti alle mansioni di conducente in qualità di soci, dipendenti o sostituti.

 

Esami di abilitazione

Come già sottolineato, per l'iscrizione al Ruolo Conducenti è richiesto il superamento di un esame di abilitazione, che si tiene presso la Camera di commercio. Calendario, modalità di iscrizione all'esame, modalità di partecipazione e altre informazioni dettagliate sono disponibili in questa pagina.

 

Requisito di idoneità morale

Il predetto requisito deve essere posseduto dal titolare della impresa, dai suoi dipendenti, soci o collaboratori familiari.

 Al fine della sussistenza del predetto requisito è necessaria l'assenza di  condanne  che comportano interdizione dai pubblici uffici, interdizione da una professione o da un'arte, interdizione legale, interdizione dagli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese ed incapacità di contrarre con la pubblica Amministrazione, nonché nell'assenza di carichi pendenti e  la non appartenenza ad associazioni di tipo mafioso.

Inoltre non risponde al requisito dell'idoneità morale chi:

1) abbia riportato una o più condanne definitive alla reclusione in misura superiore complessivamente ai due anni per delitti non colposi;

2) abbia riportato una condanna definitiva a pena detentiva per delitti contro il patrimonio,

la fede pubblica, l'ordine pubblico, l'industria ed il commercio;

3) abbia riportato condanna definitiva per reati puniti a norma degli articoli 3 e 4 della Legge 20 febbraio 1958, n. 75;

4) risulti sottoposto, con provvedimento esecutivo, ad una delle misure di prevenzione previste dalla vigente normativa.

In tutti i precedenti casi il requisito continua a non essere soddisfatto fin tanto che non sia intervenuta la riabilitazione ovvero una misura di carattere amministrativo con efficacia riabilitativa.

Il requisito della idoneità morale viene altresì meno quando agli interessati siano state inflitte, in via definitiva, sanzioni per infrazioni gravi e ripetute alle regolamentazioni riguardanti le condizioni di retribuzione e di lavoro della professione o l'attività di trasporto ed in particolare le norme relative al periodo di guida e di riposo dei conducenti, ai pesi e dimensioni dei veicoli, alla sicurezza stradale e dei veicoli.

Sono ostative anche le condanne per reati per i quali la pena sia stata patteggiata ai sensi degli artt. 444 e 445 del c.p.p..

Nel caso in cui il reato si sia estinto in seguito al decorrere dei termini previsti dall'articolo 445, comma 2, del c.p.p., successivamente alla pronuncia di sentenza di applicazione della pena su richiesta, o dall'articolo 460, comma 5, del c.p.p., successivamente alla pronuncia di decreto penale di condanna, l'estinzione del reato non opera ipso iure, ma è necessaria una formale pronuncia del giudice dell'esecuzione che la dichiari ai sensi dell'art. 676 c.p.p.

 

 

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

C.F. 04283130401

Partita Iva 04283130401

IBAN IT 83 N 06010 13200 100000300122
Codice Univoco ufficio: ST9NPX

Privacy

Camera di Commercio della Romagna

Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini

Tel. 0541/363711 Fax. 0541/363723
Posta elettronica certificata:
cameradellaromagna@pec.romagna.camcom.it