Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Registro Imprese e Comunicazione Unica Registro Imprese - REA Istruzioni e informazioni Manuale attività economiche A Agente di affari in mediazione (mediatore immobiliare)
 
Azioni sul documento

Agente di affari in mediazione (mediatore immobiliare)

Riferimenti normativi

Legge n. 39 del 3 febbraio 1989. Modifiche ed integrazioni alla L. 21 marzo 1958, n. 253, concernente la disciplina della professione di mediatore.
D.M. n. 452 del 21 dicembre 1990. Regolamento recante norme di attuazione della legge 3 febbraio 1989, n. 39 , sulla disciplina degli agenti di affari in mediazione.
D.Lgs. 26-3-2010 n. 59. Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno.
D.M. 26-10-2011. Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59.
D.M. 23-4-2013. Proroga dei termini per gli adempimenti previsti dagli articoli 10 ed 11 dei decreti 26 ottobre 2011, in materia di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA di alcuni soggetti. Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 maggio 2013, n. 108.

Documentazione da produrre

L'impresa che intende svolgere l'attività di agente d'affari in mediazione deve presentare, utilizzando la procedura della "Comunicazione Unica" e StarWeb (non Fedra Plus) o software compatibile, una pratica telematica al Registro delle imprese del luogo dove intende svolgere l'attività.

  • Modulistica Registro Imprese-Albo artigiani (I1-I2-S5-UL-INT P)
  • Modello-Mediatori da compilarsi utilizzando StarWeb (o software compatibili) nelle sezioni "Anagrafica Impresa", "S.ci.a.", "Requisiti"
  • Modello Intercalare Requisiti da compilarsi utilizzando StarWeb (o software compatibili) per l'indicazione dei requisiti posseduti dai legali rappresentanti di impresa societaria successivi al primo, gli eventuali preposti e tutti coloro che svolgono a qualsiasi altro titolo l'attività per conto dell'impresa.
  • Documentazione e/o dichiarazione  sostitutiva comprovante il possesso dei requisiti professionali.
  • Diritti di segreteria
  • Dichiarazione ai sensi degli art. 46 e 47 D.pr. 445/2000 relativa alla stipula della Polizza Assicurativa e copia della stessa.

Definizioni

E' mediatore, ai sensi dell'art. 1754 del cod. civ., colui che mette in relazione due o più parti per la conclusione di un affare senza essere legato ad alcuna di esse da rapporti di collaborazione, dipendenza o rappresentanza.
Dall' 8 maggio 2010 con l'entrata in vigore del D.lgs. 59/2010 è stato soppresso il Ruolo di cui all'art. 2 della L. 39/1989, permangono comunque i requisiti prescritti per l’esercizio dell’attività di cui alla legge 39/1989 e successive modifiche.
Il Decreto del Ministero dello sviluppo economico del 26 ottobre 2011, in vigore dal 12 maggio 2012, disciplina le modalità di iscrizione nel Registro Imprese e nel REA degli esercenti tale attività.
I settori di attività, previsti dall'art. 3 del D.m. 21 dicembre 1990 n. 452, sono i seguenti:

  • Agenzia d'affari in mediazione immobiliare: che svolge attività per la conclusione di affari relativi ad immobili ed aziende senza essere legato ad alcuna di esse da rapporti di collaborazione, di dipendenza o di rappresentanza;
  • Agenzia d'affari con mandato a titolo oneroso: che in forza di un mandato gestisce immobili in nome e per conto di un altro soggetto detto mandante. Il mandato a titolo oneroso riguarda solo l'agente di affari in mediazione che esercita l'attività nel settore immobiliare ed é una modalità di esercizio della stessa;
  • Agenzia d'affari in mediazione merceologica che mette in relazione due o più parti per la conclusione di un affare concernente merci, derrate o bestiame, senza essere legato ad alcuna di esse da rapporti di collaborazione, di dipendenza o di rappresentanza;
  • Agenzia d'affari in mediazione in servizi vari: mette in relazione due o più parti per la conclusione di un affare relativo a servizi senza essere legato ad alcuna di esse da rapporti di collaborazione, di dipendenza o di rappresentanza.

S.c.i.a. -Segnalazione certificata di inizio attività

L''attività può essere iniziata dalla data di presentazione all'Ufficio Registro Imprese della segnalazione (S.c.i.a.) corredata delle autocertificazioni e delle certificazioni attestanti il possesso dei requisiti prescritti dalla normativa in vigore.

Requisiti generali

Per l'esercizio dell'attività in oggetto il titolare, il legale rappresentante, i preposti ecc. devono essere in possesso dei seguenti requisiti previsti dalla normativa in vigore.
a) maggiore età
b) cittadinanza italiana o della Comunità Europea ovvero stato di cittadino extracomunitario residente in Italia e in possesso del permesso di soggiorno;

Requisiti morali

  • Salvo che non sia intervenuta la riabilitazione, occorre non essere stati sottoposti a misure di prevenzione, divenute definitive, a norma dell’art. 67 del D.Lgs. n. 159/2011 (Codice delle leggi antimafia), della L. 13 settembre 1982, n. 646;
  • non essere interdetti o inabilitati, falliti (art.120 L.F. con la chiusura del fallimento cessano le incapacità personali)
  • non essere stati condannati per delitti contro la pubblica amministrazione, l'amministrazione della giustizia, la fede pubblica, la economia pubblica, l'industria ed il commercio, ovvero per delitto di omicidio volontario, furto, rapina, estorsione, truffa, appropriazione indebita, ricettazione, emissione di assegno senza provvista (depenalizzato dal 15 gennaio 2000 con l'entrata in vigore del D.lgs. 507/1999);
  • non essere stato condannato per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge commini la pena della reclusione non inferiore, nel minimo, a due anni e, nel massimo, a cinque anni.

Le sentenze emesse, ai sensi degli artt.444 e 445 del c.p.p. che prevedono "l'applicazione della pena su richiesta delle parti" (c.d.patteggiamento) sono equiparate alle altre sentenze di condanna.
Nel caso in cui il reato si sia estinto in seguito al decorrere dei termini previsti dall'articolo 445, comma 2, del c.p.p., successivamente alla pronuncia di sentenza di applicazione della pena su richiesta, o dall'articolo 460, comma 5, del c.p.p., successivamente alla pronuncia di decreto penale di condanna, l'estinzione del reato non opera ipso iure, ma è necessaria una formale pronuncia del giudice dell'esecuzione che la dichiari ai sensi dell'art. 676 c.p.p..
Non sono, viceversa, ostative le condanne per le quali si è ottenuto il beneficio della  sospensione condizionale della pena (art. 163 c.p.).

Requisiti  tecnico-professionali

- aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado, aver frequentato uno specifico corso di formazione (Corsi di formazione regolamentata in Emilia-Romagna) e successivamente aver superato l'esame presso la Camera di Commercio;
oppure
- aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado e aver frequentato un periodo di pratica di almeno 12 mesi continuativi con l'obbligo di frequenza di uno specifico corso di formazione professionale;
oppure
- essere iscritto nell'apposita sezione Rea di cui all'art. 8 del Decreto Ministeriale 26 ottobre 2011;
oppure
- essere stato iscritto nel soppresso ruolo (requisito valido fino al 12/05/2016).
Decreto direttoriale del 12/02/2016 recante "Regolamento in applicazione delle misure compensative al fine del riconoscimento della qualifica profesionale di agente di affarin in mediazione, sezione immobiliare e mandatario a titolo oneroso-agente immobiliare".

Polizza assicurativa

Ai sensi dell'art. 3 comma 5 bis della legge 39/1989 "per l'esercizio della professione di mediatore deve essere prestata idonea  garanzia assicurativa a copertura dei rischi professionali ed a tutela dei clienti"
L’ammontare minimo di copertura della Polizza assicurativa è così stabilito dal Ministero delle Attività Produttive:

  • Euro 260.000,00 per le ditte individuali
  • Euro 520.000,00 per le società di persone
  • Euro 1.550.000,00 per le società di capitali.

Verifica dei requisiti

L'ufficio Registro Imprese, ai sensi dell'art. 19 c. 3 della L. 241/1990, in caso di accertata carenza dei requisiti entro 60 giorni dal ricevimento della segnalazione, può adottare provvedimenti di divieto di prosecuzione dell'attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa, salvo che, ove ciò sia possibile, l'interessato  provveda a "conformarsi" entro il termine di trenta giorni.

Incompatibilità e compatibilità

L'esercizio dell'attività di mediazione è incompatibile con l'attività svolta in qualità di dipendente da persone, società o enti, privati e pubblici ad esclusione delle imprese di mediazione, con l'esercizio di attività imprenditoriali e professionali.
Il Ministero dello sviluppo economico con Parere prot. n. 0154593 del 24/09/2013 ha precisato che l'attività in oggetto è incompatibile con quella di amministratore di condominio se esercitata in forma di impresa.
Diversamente è compatibile con la mediazione comunque esercitata (anche creditizia).

Rilascio Tessera personale di riconoscimento

Ai sensi dell'art. 5 comma 3 del Decreto del 26 ottobre 2011 l''ufficio del registro delle imprese rilascia la tessera personale di riconoscimento di cui all'art. 26 del D.p.r. 6 novembre 1960, n. 1926, munita di fotografia, conforme al modello di cui all'allegato «C» del suddetto decreto.
A tal fine occorre compilare e presentare con modalità telematica il  modello "Domanda di Rilascio di Tessera Identificativa", seguendo le indicazioni ivi contenute, in allegato ad una pratica RI/Rea (utilizzando il modello I2 o INT P).

Disposizioni dopo il 30 settembre 2013

Il 30 settembre 2013 è scaduto il termine previsto dal decreto ministeriale del 26 ottobre 2011 per le imprese esercenti l'attività di agente di affari in mediazione, già iscritte nel soppresso ruolo per aggiornare la propria posizione nel Registro Imprese e nel Rea. Tuttavia le imprese individuali e le società potranno provvedere all’aggiornamento anche successivamente, salva l’applicazione della sanzione amministrativa (trattasi di sanzione Rea) per il ritardo.
Il suddetto aggiornamento è possibile fintanto non intervenga il provvedimento di inibizione alla prosecuzione dell'attività del Conservatore del Registro Imprese ex art. 10 del decreto 26 ottobre 2011.
Le persone fisiche già iscritte al soppresso ruolo degli agenti di affari in mediazione che risultavano inattive al 12 maggio 2012 e che non hanno provveduto ad aggiornare la posizione nell’apposita sezione del Rea entro il 30 settembre 2013, decadono, da tale data, dalla possibilità di iscrizione nella sezione sopracitata. Resta ferma la possibilità di far valere entro il 12 maggio 2016 la loro pregressa iscrizione al soppresso ruolo.

Tasse di concessione governative

L'Agenzia delle Entrate, con risposta all’interpello 954-364 del 27 agosto 2014 presentato da C.i.d.e.c. Campania e da ultimo con risposta all'interpello 904-682/2015 del 28/07/2015 presentato da Unioncamere Lombardia, si è pronunciata in materia di tasse di concessione, ed ha precisato che non sono dovute per le Segnalazioni Certificate di inizio attività (S.c.i.a.) inviate alla Camera di commercio per l'iscrizione delle c.d. attività regolamentate. Per tali si intendono le attività di installazione d'impianti, di pulizie, di autoriparatore, di facchinaggio,di mediatore immobiliare, di agente o rappresentante di commercio, di mediatore  marittimo e spedizioniere. Per questo motivo la Camera di commercio di Rimini non richiederà più la prova dell'avvenuto versamento della suddetta tassa su questo tipo di pratiche.

Esame di abilitazione

Presso la Camera di Rimini è possibile sostenere periodicamente l'esame per l'abilitazione all'esercizio dell'attività di mediazione.

Banca dati quiz sulle materie di esame.

Moduli e Formulari

Il mediatore che per l'esercizio della propria attività si avvalga di moduli e formulari nei quali siano contenute le condizioni del contratto (ad es. incarico alla vendita o proposta di acquisto) deve prima dell'utilizzo depositarne copia (scansionata classificata con codice documento "FOM") alla Camera di commercio.
Il deposito deve avvenire mediante ComUnica (Modello S5, I1, o I2- Riquadro/Mod.Note) compilando il modello "Scia Mediatori" nella sezione "Formulari".
I costi del suddetto adempimento sono:
Ditte individuali : 18 €
Società : 30 €

 

Approfondimenti

Guida agli adempimenti per l'esercizio dell'attività di Agente d'affari in mediazione

Nuove modalità di iscrizione nel Registro delle Imprese e nel Rea dei soggetti esercenti l'attività.

Schede correlate

Agente di commercio nell'ambito della promozione di servizi offerti da agenzia di mediazione immobiliare (con esclusione di tutte le attività di mediazione di cui alla legge 39/1989).


Scheda aggiornata alla data del 05/10/2016
Manuale delle Attività Economiche a cura dell'Ufficio Registro Imprese di Rimini

Il Manuale delle Attività Economiche è proprietà della Camera di Commercio di Rimini. Se ne vietano, pertanto, la riproduzione, anche parziale, e qualsiasi utilizzo non preventivamente autorizzato dalla Camera di Commercio.

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

C.F. 04283130401

Partita Iva 04283130401

IBAN IT 83 N 06010 13200 100000300122
Codice Univoco ufficio: ST9NPX

Privacy

Camera di Commercio della Romagna

Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini

Tel. 0541/363711 Fax. 0541/363723
Posta elettronica certificata:
cameradellaromagna@pec.romagna.camcom.it