Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Registro Imprese e Comunicazione Unica Registro Imprese - REA Istruzioni e informazioni Guida Ateco e denunce di inizio e variazione attività economica al Registro Imprese o al REA
 
Azioni sul documento

Guida Ateco e denunce di inizio e variazione attività economica al Registro Imprese o al REA

La Guida ATECO – REA, da tempo a disposizione degli utenti e predisposta da Infocamere con la partecipazione delle Camere di Commercio italiane,consente di individuare nel modo più facile e corretto la descrizione dell’attività economica svolta dall’impresa da inserire nella pratica di Comunicazione Unica da inviare al Registro Imprese o al REA, in occasione di denunce di inizio e/o variazione attività e/o apertura di unità locale.

Il servizio StarWeb è stato da tempo arricchito dell'utility informatica ATECO per facilitare la compilazione della modulistica rivolta all'Agenzia delle Entrate e al Registro Imprese. L’utility parte dalle declaratorie e dalle note di inclusione dei codici ATECO - ISTAT 2007, eventualmente integrate con “ulteriori specifiche”, fino a giungere alla normativa vigente specificando i requisiti richiesti per l’esercizio dell’attività economica individuata e la documentazione da produrre al Registro delle Imprese.

Logica di funzionamento e gestione del procedimento

Il sistema di codifica adottato a livello nazionale dal Registro delle Imprese a partire dal 6 aprile 2013 comporta l’inserimento automatico in visura dei codici Ateco 2007 riportati nei modelli della ComUnica destinati all’anagrafe tributaria ai fini IVA, oppure dall’anagrafe stessa. Da ciò consegue che, se un'impresa dichiara al Registro Imprese un'attività non esattamente corrispondente ai codici ATECO trasmessi all'Agenzia delle Entrate, l'incongruenza sarà palese anche nella visura camerale.

Di riflesso, l’attività istruttoria dell’ufficio Registro Imprese, nell’ottica di un miglioramento degli output del servizio anagrafico, comprende anche la verifica della congruità fra l’attività economica denunciata e riportata sulla modulistica R.I. secondo le indicazioni fornite dal Mise con la Circolare n. 3668/C del 27 febbraio 2014 e il codice Ateco dichiarato all’Agenzia fiscale.

Se nel gestire un procedimento l'Ufficio rileverà un disallineamento tra codici e descrizione di attività, la pratica verrà sospesa consentendo all’utente di regolarizzarla entro 10 giorni dalla comunicazione di richiesta di correzione.

A tal proposito si possono verificare due ipotesi:

  • Disallineamento dovuto ad un errata individuazione del codice Ateco 2007 indicato nella modulistica (AA7/10 e AA9/12) dell’Agenzia delle Entrate:

In questo caso occorre inviare mediante Comunicazione Unica una pratica solo all’Agenzia delle Entrate allegando la modulistica prevista debitamente compilata. Successivamente occorre avvisare l’ufficio camerale mediante l’utilizzo dei messaggi Telemaco dell’avvenuto adempimento presso l’Agenzia.

  • Disallineamento dovuto ad una errata o imprecisa denuncia dell’attività economica effettivamente svolta al Registro Imprese:

In tale caso occorre inviare al Registro Imprese una pratica, soggetta al pagamento dei previsti diritti di segreteria, mediante Comunicazione Unica di precisazione o rettifica dell’attività economica denunciata in modo impreciso o errato, oppure un reinvio da associarsi al numero di protocollo nel caso in cui vi sia una pratica aperta e in fase istruttoria.

Si precisa che il trasferimento dei codici Ateco 2007 presenti nell’archivio dell’Agenzia delle Entrate nella visura camerale avviene entro i due giorni successivi all’evasione del protocollo Registro Imprese.

Infine ed in sintesi all’Agenzia delle Entrate occorre denunciare l’attività esercitata dall’impresa e in caso di più attività occorre indicare quella prevalente (tenuto conto del volume d’affari) nel Quadro B dei modelli AE (AA7/10 e AA9/12) sopracitati nella parte relativa alla “Attività esercitata e luogo di esercizio in caso di più attività indicare l’attività prevalente”. Mentre le cosiddette attività secondarie dovranno essere specificate nel successivo Quadro G sia in caso di inizio che di eventuale cessazione.

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

C.F. 04283130401

Partita Iva 04283130401

IBAN IT 83 N 06010 13200 100000300122
Codice Univoco ufficio: ST9NPX

Privacy

Camera di Commercio della Romagna

Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini

Tel. 0541/363711 Fax. 0541/363723
Posta elettronica certificata:
cameradellaromagna@pec.romagna.camcom.it