Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Registro Imprese e Comunicazione Unica Bollatura libri e registri 9. Alcuni casi particolari di bollatura di libri e registri
 
Azioni sul documento

9. Alcuni casi particolari di bollatura di libri e registri

Il Decreto Legislativo 18 aprile 2016, n. 50 (in vigore dal 19/04/2016) ha abrogato, tra l'altro, l'articolo 211 del D.P.R. 207/2010 che prevedeva l'obbligo della bollatura del registro di contabilità, pertanto si ritiene che la bollatura di tale libro non sia più obbligatoria.


9.1. Registro del commissario liquidatore

Il registro è previsto dall’articolo 38, comma 1 del Regio Decreto 16 marzo 1942, n. 267 e s.m.i. e la vidimazione dello stesso è prevista dall’art. 1 della Legge 17 luglio 1975, n. 400 e s.m.i.
Il registro detenuto dal commissario liquidatore di società cooperative, enti e consorzi cooperativi (nel quale vengono annotate le operazioni relative all’amministrazione del commissario liquidatore) deve essere bollato dalla Camera di Commercio competente per territorio.
La bollatura di questo registro prevede il pagamento di € 10,00 di diritti di segreteria, il pagamento del bollo mediante applicazione di una marca da bollo da € 16,00 ogni 100 pagine o frazione di 100, il pagamento della tassa di concessione governativa.


9.2. Registro / Giornale per le agenzie di pratiche auto

La tenuta del registro è obbligatoria per legge ed è prevista dall’articolo 6 della Legge 8 agosto 1991, n. 264.
La bollatura di questo registro prevede il pagamento dei diritti di segreteria di € 25,00, il pagamento del bollo mediante applicazione di una marca da bollo da € 16,00 ogni 100 pagine o frazione di 100, il pagamento della tassa di concessione governativa. Trattandosi di libro obbligatorio previsto dalla legge il modello di “dichiarazione di non obbligatorietà” non va presentato.


9.3. Registro di contabilità

 

La tenuta del registro di contabilità è prevista dal Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207 (Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE»), parte II, titolo IX, capo I, artt. 181 e seguenti.

Per la predisposizione del registro di contabilità è necessario attenersi a quanto indicato nell'articolo 188 del D.P.R. 207/2010, in particolare le pagine devono essere preventivamente numerate e firmate dal responsabile del procedimento e dall'esecutore.

Il Decreto Legislativo 18 aprile 2016, n. 50 (in vigore dal 19/04/2016) ha abrogato, tra l'altro, l'articolo 211 del D.P.R. 207/2010 che prevedeva l'obbligo della bollatura del registro di contabilità, pertanto si ritiene che la bollatura di tale libro non sia più obbligatoria.

La Camera di Commercio competente per la bollatura del libro è quella della provincia presso la quale ha sede (principale o secondaria) l'amministrazione pubblica che ha appaltato il lavoro da eseguire.

Il libro può essere presentato presso la Camera di Commercio competente per la bollatura anche dalla ditta esecutrice dei lavori (si precisa che l’impresa esecutrice dei lavori può avere sede anche al di fuori del territorio provinciale).

La bollatura di questo registro prevede il pagamento di € 25,00 di diritti di segreteria, il pagamento del bollo mediante applicazione di una marca da bollo da € 16,00 ogni 100 pagine o frazione di 100, il pagamento della tassa di concessione governativa.

 

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

C.F. 04283130401

Partita Iva 04283130401

IBAN IT 83 N 06010 13200 100000300122
Codice Univoco ufficio: ST9NPX

Privacy

Camera di Commercio della Romagna

Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini

Tel. 0541/363711 Fax. 0541/363723
Posta elettronica certificata:
cameradellaromagna@pec.romagna.camcom.it