Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Comunicazioni degli Uffici Archivio Newsletter Diritto annuale Camera di commercio di Rimini Newsletter CCIAA Rimini - Diritto Annuale - n. 14 del 9 giugno 2011
 

Newsletter CCIAA Rimini - Diritto Annuale - n. 14 del 9 giugno 2011


09/06/2011

Diritto annuale 2011: alcune novità rispetto al 2010

Logo CCIAA Rimini

Foglio per il calcolo automatico del diritto annuale 2011 distinto fra soggetti che versano un diritto fisso e soggetti che versano in base al fatturato, recante l'elenco delle camere di commercio che applicano la maggiorazione (art. 18 della Legge 580/1993).

Con decreto del 21 aprile 2011, il Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha determinato gli importi del diritto annuale 2011 con alcune novità, rispetto al 2010, per effetto delle modifiche normative sottocitate.

Novità - regime transitorio

L'articolo 18 della Legge 29 dicembre 1993, n. 580 è stato modificato dal decreto legislativo 15 febbraio 2010, n, 23, prevedendo l’obbligo al versamento del diritto annuale per tutte le imprese iscritte o annotate al Registro delle imprese e per i soggetti iscritti nel Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative (REA).

Lo stesso articolo 18 stabilisce che le imprese individuali iscritte o annotate al Registro delle imprese e i soggetti iscritti nel REA, sono tenuti al versamento di un diritto annuale in misura fissa, mentre gli altri soggetti sono tenuti al versamento di un diritto annuale commisurato al fatturato dell'esercizio precedente.

A seguito di tale modificazione, per alcune tipologie, si sono verificate innovazioni nella determinazione delle misure del diritto annuale; in particolare le società semplici e le società di cui al comma 3 dell'articolo 16 del decreto legislativo 2 febbraio 2001, n. 96 (società tra avvocati), sono tenute, dal 2011, al versamento di un diritto annuale commisurato al fatturato mentre le imprese individuali iscritte o annotate al Registro delle imprese sono tenute al versamento di un diritto annuale definito in misura fissa.

Tuttavia, il decreto ministeriale di determinazione delle misure del diritto annuale per l'anno 2011, ha previsto, per i soggetti che sono stati interessati dalle innovazioni normative, un regime transitorio: in definitiva, per l’annualità 2011, le società semplici e le società tra avvocati verseranno ancora un importo fisso.

 

Sezione ordinaria

Le imprese iscritte nella Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese, sono tenute a pagare il diritto annuale 2011 per un importo commisurato al fatturato dell’esercizio precedente, ad eccezione delle imprese individuali che versano un diritto fisso.

Le imprese interessate sono  le seguenti:

  • società in nome collettivo,
  • società in accomandita semplice,
  • società di capitali,
  • società cooperative,
  • consorzi con attività esterna,
  • enti economici pubblici e privati,
  • aziende speciali  e consorzi previsti dalla Legge 267/2000
  • GEIE - Gruppo Europeo di Interesse Economico 
  • imprese individuali in Sezione Ordinaria

Importo da versare

L'importo da versare, per tali soggetti, si ottiene applicando la seguente procedura:

FASE 1)

  • Per le imprese individuali iscritte nella Sezione Ordinaria si considera un importo fisso pari ad € 200,00.
  • Per tutte le altre imprese iscritte in Sezione Ordinaria si applica, al fatturato complessivo realizzato nel 2010, ai fini IRAP, la misura fissa e le aliquote riportate nella tabella A (considerando la misura fissa e le aliquote per tutti i successivi scaglioni fino a quello nel quale rientra il fatturato complessivo realizzato dall'impresa). 

I più recenti chiarimenti in merito all'individuazione dei righi del modello IRAP, al fine della determinazione del fatturato per il calcolo del diritto annuale sono indicati nella Circolare ministeriale n. 19230 del 3 marzo 2009.

Per i Confidi consulta la Circolare ministeriale del 12/06/2008.

Tabella A

Scaglioni di fatturato

Misure fisse e aliquote

da 0,00 a 100.00,00 euro

200,00 euro (misura fissa)

da 100.000,00 a 250.000,00 euro

+ 0,0150%

da 250.000,00 a 500.000,00 euro

+ 0,0130%

da 500.000,00 a 1.000.000,00 euro

+ 0,0100%

da 1.000.000,00 a 10.000.000,00 euro

+ 0,0090%

da 10.000.000,00 a 35.000.000,00 euro

+ 0,0050%

da 35.000.000,00 a 50.000.000,00 euro

+ 0,0030%

oltre 50.000.000,00 euro

+ 0,0010%
(fino ad un massimo di 40.000,00 euro)

Le imprese di cui sopra  che esercitano attività economica anche attraverso unità locali/sedi secondarie devono pagare, per ciascuna di esse, alla Camera di Commercio nel cui territorio si trovano le unità locali, un diritto annuale pari al 20% di quello dovuto per la sede principale, fino ad un massimo di € 200,00 per ciascuna unità locale.

FASE 2)

All'importo ottenuto al termine della prima fase è necessario AGGIUNGERE LA MAGGIORAZIONE  deliberata dalla singola Camera, ai sensi dell'art. 18 della Legge 29 dicembre 1993, n.580 (la maggiorazione per la Camera di Rimini è del 20%).

Esempio: Un'impresa individuale in sezione ordinaria, con sede nella provincia di Rimini ed n. 1 unità locale nella stessa provincia di Rimini pagherà un'importo pari ad € 288,00 (€ 200,00 per la sede ed € 40,00 per l'unità locale, a cui si aggiunge il 20% a titolo maggiorazione) .

Per le unità locali/sedi secondarie situate in altre province, si prega consultare questa tabella per verificare se le Camere di Commercio, nella cui circoscrizione si trovano le unità locali/sedi secondarie, hanno eventualmente stabilito, ai sensi dell'art. 18 della Legge 580/1993, una maggiorazione all'importo del diritto annuale 2011.

 

Sezione speciale

Gli importi di cui alla seguente tabella NON SONO COMPRENSIVI della maggiorazione del 20% deliberata da questa Camera di Commercio, ai sensi dell'art. 18 della Legge 29 dicembre 1993, n. 580.

Importi invariati rispetto al 2010

Le imprese individuali (piccoli imprenditori, artigiani, coltivatori diretti e imprenditori agricoli) iscritte o annotate nella Sezione Speciale del Registro delle Imprese devono pagare per il diritto annuale:

- per le sede in misura fissa € 88,00;

- per ciascuna unità locale denunciata al Registro delle imprese (negozio, deposito, magazzini, ufficio...) il 20% diritto sopra riportato che corrisponde ad € 17,60.

Importi variati rispetto al 2010

Le altre imprese iscritte o annotate nella Sezione Speciale del Registro delle Imprese, devono pagare il diritto annuale:

- per la sede, in misura fissa, i seguenti soggetti:

  • Società semplici agricole                                € 100,00
  • Società semplici non agricole                         € 200,00
  • Società tra avvocati (D.lgs. 96/2001)             € 200,00

- per ciascuna unità locale denunciata al Registro delle imprese (negozio, deposito, magazzini, ufficio...) il 20% del diritto sopra riportato che corrisponde a:

  • Società semplici agricole                                €  20,00
  • Società semplici non agricole                         €  40,00
  • Società tra avvocati (D.lgs. 96/2001)             €  40,00

Al termine del calcolo del diritto dovuto per sede ed unità locali è necessario AGGIUNGERE LA MAGGIORAZIONE deliberata dalla singola Camera, ai sensi dell'art. 18 della Legge 29 dicembre 1993, n. 580 (la maggiorazione per la Camera di Rimini è del 20%).

Esempio: Un'impresa individuale in sezione speciale con sede nella provincia di Rimini ed n. 1 unità locale nella stessa provincia di Rimini pagherà un'importo pari ad € 127,00 (€ 88,00 per la sede ed € 17,60 per l'unità locale, a cui si aggiunge il 20% a titolo maggiorazione) .

Per le unità locali/sedi secondarie situate in altre province, si prega consultare questa tabella per verificare se le Camere di Commercio, nella cui circoscrizione si trovano le unità locali/sedi secondarie, hanno eventualmente stabilito, ai sensi dell'art. 18 della Legge 580/1993, una maggiorazione all'importo del diritto annuale 2011.

 

Soggetti Rea - Novità rispetto al 2010

I soggetti iscritti nel Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative (REA), che fino al 2010 erano esentati dal pagamento del diritto annuale, sono tenuti al versamento di un diritto fisso pari a € 36,00 (l'importo è già comprensivo della maggiorazione del 20% deliberata dalla Camera di Commercio di Rimini).

Nulla è dovuto da tali soggetti per eventuali unità locali

 

Unità locali e sedi secondarie di imprese estere

Le imprese con sede principale all'estero versano per ciascuna unità locale/sede secondaria un diritto fisso pari ad € 132,00 (l'importo è già comprensivo della maggiorazione  del 20% deliberata dalla Camera di Commercio di Rimini  ai sensi dell'art. 18 della Legge 29 dicembre 1993, n. 580).

 

Arrotondamenti

ATTENZIONE!: I metodi di arrotondamento, sono indicati anche con esempi pratici, nella Circolare ministeriale n. 19230 del 3 marzo 2009

Si ricorda che all'importo ottenuto in seguito all'applicazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo, per i pagamenti eseguiti entro 30 giorni dal termine di scadenza ordinaria, si applica la regola generale dell'arrotondamento al centesimo di euro e cioè: se il terzo decimale è inferiore o uguale a 4, il secondo decimale si arrotonda per difetto, se è uguale o superiore a 5 si arrotonda lo stesso 2° decimale per eccesso. Es.1: €204*0,40%=€204,816, arrotondamento per eccesso a €204,82; Es. 2: €41*0,40%=41,164, arrotondamento per difetto a €41,16).

Si ricorda che lo 0,40% a titolo di interesse corrispettivo deve essere corrisposto anche in sede di compensazione di crediti, seppur a saldo zero; il mancato pagamento dello 0,40%,  entro 30 giorni dalla scadenza del termine ordinario, viene considerato tardivo versamento con conseguente applicazione di una sanzione pari al 10% dell'intero dovuto, a norma dell'art. 4, comma 2, del D.M. n. 54 del 27/01/2005. 

 

Termini di pagamento

Il versamento del diritto annuale deve essere eseguito, a norma dell'art. 8, comma 2, del D.M. n. 359 del 11 maggio 2001,  entro il termine previsto per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi.

Consulta il D.p.c.m. 12 maggio 2011 con il quale sono stati prorogati, rispetto al 2010, i termini di versamento delle imposte per alcuni soggetti: tale proroga si applica anche al diritto annuale 2011.

 

Modalità di pagamento

Il versamento va eseguito in unica soluzione tramite il modello di pagamento unificato F24, già utilizzato per il versamento delle imposte sui redditi, solo con modalità telematica, ai sensi del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4/10/2006, pubblicato in G.U. n. 223 del 6/10/2006. Questa procedura consente ai contribuenti di compensare immediatamente quanto dovuto per il diritto annuale con eventuali crediti vantati per altri versamenti.

Vedi la Circolare Agenzia delle Entrate n. 30 del 29/09/2006 relativa alle modalità di versamento telematico delle imposte

 

Istruzioni per la compilazione del modello F24

- Compilare la sezione “Ici ed altri tributi locali
- Codice ente: sigla automobilistica della Camera di Commercio a cui l’importo è dovuto, RN per la Camera di Commercio di Rimini
- Codice tributo: 3850
- Anno di riferimento: indicare l'anno per il quale è dovuto il tributo
- Importi a debito versati: indicare l’importo totale del diritto dovuto alla Camera.
  Se sono dovuti diritti a diverse Camere di Commercio indicare distintamente gli importi dovuti a ciascuna Camera.   

 

Contatti U.o.s. Diritto Annuale

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

C.F. 04283130401

Partita Iva 04283130401

IBAN IT 83 N 06010 13200 100000300122
Codice Univoco ufficio: ST9NPX

Privacy

Camera di Commercio della Romagna

Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini

Tel. 0541/363711 Fax. 0541/363723
Posta elettronica certificata:
cameradellaromagna@pec.romagna.camcom.it