Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale News ed Eventi Dal Ponte di Tiberio al futuro attraverso la formazione: presentato il progetto La città dei mestieri
 
Azioni sul documento

Dal Ponte di Tiberio al futuro attraverso la formazione: presentato il progetto La città dei mestieri

Il presidente Manlio Maggioli ha incontrato il provveditore della provincia di Rimini, Giancarlo Mori, i dirigenti di 30 istituti scolastici e le associazioni di categoria


Rimini. "La città dei mestieri: un ponte fra scuola e impresa" è il nuovo progetto che la Camera di Commercio di Rimini promuove in collaborazione con gli istituti scolastici della provincia, il provveditorato e le associazioni di categoria. Lo scopo è quello di favorire l'orientamento scolastico durante la scuola dell'obbligo attraverso una adeguata educazione sull'attività economica riminese.

"E' nei momenti economici difficili – ha affermato questa mattina il presidente Manlio Maggioli, incontrando il provveditore, Giancarlo Mori, i dirigenti scolastici dei 30 istituti che verranno coinvolti nel progetto e i vertici delle associazioni di categoria della provincia – che si deve investire nel futuro. Occorre essere anticiclici, per questo noi crediamo che investire nella formazione dei giovani sia una buona risposta alla crisi attuale".

Nasce da qui il progetto "La città dei mestieri: un ponte fra scuola e impresa" che vedrà coinvolta la Camera di Commercio nel ruolo di coordinamento fra le scuole e le imprese.

"Siamo convinti – sottolinea Maggioli – che sia fondamentale agevolare il raccordo tra il mondo della scuola e quello del lavoro, rappresentato dalle imprese, per favorire il processo di orientamento dei ragazzi. E' necessario che i giovani, soprattutto quando termina l'obbligo scolastico, abbiano tutte le informazioni sull'economia del territorio che li orienti verso le loro future scelte di formazione e di lavoro. Da questo punto di vista possiamo essere un ponte verso il futuro professionale dei giovani. La storia e l'architettura di Rimini hanno molto da insegnarci. Questo progetto vuole essere un ponte verso il futuro".

In questa direzione vanno già altre attività della Camera di Commercio, come l'indagine Excelsior, l'alternanza scuola-lavoro, il premio per le imprese formative, il progetto "Nuove idee e nuove imprese" e l'impegno nella responsabilità sociale d'impresa. Con "La Città dei Mestieri: un ponte tra scuola e impresa", però si fa un salto di qualità: allargando l'attenzione delle imprese ai ragazzi della scuola dell'obbligo, fino ai 16 anni, comprendendo quindi i 3 anni delle medie e il primo biennio delle superiori. Saranno proprio gli imprenditori ad incontrare i giovani, orientandoli e facendo loro conoscere le opportunità del territorio. "Noi – spiega Maggioli – non chiediamo alla scuola che sia solo serbatoio di professionisti, ma vogliamo fare un percorso con la scuola, perché i due mondi, dell'educazione e del lavoro si conoscano e si riconoscano reciprocamente. Per fare questo serve però continuità".  Da qui l'altro elemento innovativo de "La città dei mestieri", ovvero il coinvolgimento fattivo, in un unico progetto, coordinato dalla Camera di Commercio, di tutti gli istituti scolastici e di tutte le associazioni di categoria (Confindustria, API, CNA, Confartigianato, Confcommercio, Ceto medio, Confesercenti, Associazioni albergatori di Rimini, Riccione e Bellaria, Lega Cooperative e Confcooperative), che nei prossimi mesi incontreranno i ragazzi. Per farlo basterà che scuole e associazioni di categoria si scambino una lettera. Il progetto nasce sotto i migliori auspici. All'incontro hanno infatti preso parte numerosi dirigenti scolastici, che hanno lamentato l'attuale situazione della scuola, ma che vedono in questo progetto una possibile soluzione, ma anche il provveditore, per il quale "questo orientamento preventivo è molto valido. Noi dobbiamo formare buone teste, non teste piene e se queste buone teste conoscono bene il loro territorio, questo è un valore per tutti. Questo progetto è la punta di diamante della formazione e quindi come provveditorato non possiamo che esserne felici e seguirlo con interesse. Credo anche che questa esperienza possa, una volta monitorata e comunicata, essere trasferita ad altri territori".

Standard

Powered by Plone ®

Note Legali

C.F. 04283130401

Partita Iva 04283130401

IBAN IT 83 N 06010 13200 100000300122
Codice Univoco ufficio: ST9NPX

Privacy

Camera di Commercio della Romagna

Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini

Tel. 0541/363711 Fax. 0541/363723
Posta elettronica certificata:
cameradellaromagna@pec.romagna.camcom.it